Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘tempo’

Il video la dice lunga, I’m late, no time so say goodbye, I’ m late!Accidenti, tra dieci giorni ci sarà la Vigilia di Natale e al momento ho due regalini presi, una lunga lista da completare, i biglietti da fare e organizzare quando vedere i miei amici per consegnare doni e abbracci… Ma come si fa dico io ad essere così in ritardo?

La settimana scorsa ho preso carta, nastri, pannolenci, colla e solo oggi mi sono resa conto che il tempo stringe ed io sono ancora qui, oggi in pigiama, che guardo atterrita le cose da fare e la pioggia che scende tranquilla e placida.

Certo, ora che ci penso bevendo il mio caffè, ho trascorso due serate a fare origami che non hanno portato a nulla tranne che a bizzarre strutture de-costruttiviste degne di Frank Gehry, perchè? La carta da stampante non va bene per fare origami e su questo direte non c’era dubbio, beh ora è testato…Non va bene perchè troppo molla per fare un albero di natale a tre strati…Vi metto il video, prendete la carta giusta però!

Dopo aver prodotto un Albero di Natale mollocchio, sono ovviamente stata al lavoro, Palazzo e ufficio, al telefono e sconsolata sul divano, quindi si, ho perso tempo, non ho scusanti, ho perso tempo e basta! Oggi però potrei anche riportarmi ad una buona posizione della griglia delle cose da fare, potrei anche andare a prendere una modesta parte dei doni che mi mancano, potrei andare a fare la spesa perchè il frigo/dispensa fanno lo stesso rumore di quando la pancia è vuota e potrei anche iniziare i biglietti… Ce la farò? Sinceramente non lo so, ma è pur sempre il mio free-day quindi lo dovrei utilizzare come meglio credo, o no?

Window Stickers, Stars Christmas Tree

Window Stickers, Stars Christmas Tree

Ma voi l’albero lo avete fatto? A casa mia non ci sta l’albero, ecco perchè ho ben pensato di mettere lo sticker sulla finestra, e di attaccare gli addobbi alle finestre e le lucine in cucina, beh diciamo che la casetta bella è diventata tutta un albero…. Mi piace il Natale, sono che quest’anno lo sento poco, sarà il tempo forse, forse troppi pensieri che si accartocciano per concretizzare il fatto che siamo a metà dicembre ed un altro anno è finito…beh per la sintesi anno trascorso ci sentiamo la prossima volta, per oggi relax e shopping natalizio!

Un bacio, vostra I.

Read Full Post »

Che questa sia una enorme falsità lo si sa già, per entrambi i sessi tra l’altro…ma va ribadita, soprattutto perchè nemmeno io son mai pronta in 5 minuti, ma arrivo puntuale agli appuntamenti, questa è una cosa bella, no? Peccato che poi mi trovo da sola e devo comunque aspettare, che disdetta!

Che senso ha dunque arrivare puntuali? Questa benedetta quarta dimensione dico io, è davvero così importante? Il tempo mi lascia perplessa, ci son attimi che volano via, persi fra le nuvole, altri che sembrano macigni di piombo legati alle caviglie, altri sono molli, molli si, come i mashmellows scaldati, altri ancora pungono, feriscono, fanno male, per sempre.

Quindi, visto che il tempo non è misurabile, se la scala è quella emotiva e stare sotto la doccia è piacevole, come risultato, i 5 minuti non possono essere veri! Sì, in effetti tutto ciò ha un senso, forse perverso, ma ce l’ha. Piacevolezza e tempo non sono proporzionali…

Vivo in una città che non ha come unità di misura i metri bensì il tempo, ci metto venti minuti ad arrivare da te, cammino per quarantacinque minuti e arrivo alla meta, non ci avevo mai fatto caso davvero, me lo hanno fatto notare e ci son rimasta secca, è vero, cavolo, a Venezia si conta il tempo, non i passi… Anche questo va ad incidere nella puntualità in effetti.

Ipotizzando che la giornata sia brutta, con pioggia, vento, grandine, temporale, neve, beh in quel caso, come dire, scatta la telefonata e arrivederci appuntamento; se il tempo è bello, si parte, e si cammina e cammina, con la musica nelle orecchie, e si cammina e cammina, ma magari c’è uno scorcio che con quella luce non s’era mai notato, oppure un fatto buffo da osservare, o tanta gente che ti impedisce di andare veloce, oppure che ne so, un quasiasi impedimento che fa “perdere tempo”. Ma è davvero tempo perso? Forse è guadagnato, perchè camminando si vede ciò che ti circonda, camminando ci si perde, camminando ci si ritrova, camminando la testa va per conto suo.

Passi lunghi, passi veloci, passi….passa anche il tempo e in caso di ritardo altrui, si pensa, si scrive, si aspetta…

la pazienza alla fine è la virtù dei forti…

Et maintenant, que vais-je faire de tout ce temps que sera ma vie….

Read Full Post »

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

minima & moralia

un blog culturale di minimum fax [versione beta]

Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Meraviglie Museali

I piccoli meravigliosi Musei di Venezia

La Leggenda di Natale

Sesta Edizione

Ci Vediamo Quando Le Nuvole Tornano a Casa

Scritto, diretto e montato da Gibo

Scrapbook.

Since 2007.