Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘redentore’

16 Luglio 2011 La Notte del Redentore

 

Come ogni anno ormai, ho trascorso la serata del Redentore tra sarde in saòr, pasta fredda, bigoi in salsa e gli amici di sempre.

Il Redentore è una festa bellissima, pic nic all’aperto, noi si va ai Giardini della Biennale, gavettoni immancabili (sennò che festa è?) e fuochi d’artificio visti in silenzio religioso, quasi mistico, visto che la durata media è di mezzora! Gli innamorati si stringono illuminati solo dalle loro luci, i single si stringono alle bottiglie di vino e si applaude sempre, inneggiando la bellezza dell’evento e si, urlando a tutta forza “Bei, Bei, bei, più bei de quei de staltro anno”. Il Redentore è anche festa che ispira alla fantasia delle masse, barche agghindate, cene incredibili con qualsiasi cosa, angurie ripiene, dolce e salato che si mischiano nella notte, di solito caldissima del terzo sabato di luglio.

Trovo sempre divertente l’osservazione della fauna festaiola, ghirlande di fiori intorno al collo, occhiali fluo, aria da teppista e costumino firmatissimo vengono portati fieramente dai più giovani, ventagli e gonnellone lunghe appaiono come simboli di eleganza incredibile se uniti a fiori tra i capelli e sandali etnici, tutto è possibile, tutto è fattibile!

Fiumi di alcool scorrono nelle rive della Città lagunare e nelle barche che si uniscono tutte creando incredibili ponti dalla Giudecca al Bacino di San Marco, la festa inizia al pomeriggio e finisce a notte fonda, per qualcuno finirà la mattina successiva, con postumi indecenti e la sola voglia di andare a letto!

Bello il Redentore, forse un po’ troppo scusa per alcuni per fare feste devastanti e perdere momentaneamente la memoria, festa bellissima perchè si sta insieme, senza troppe pretese, con teli colorati messi per terra e piatti di plastica dove mangiare, ridendo, per tutta la serata!

I fuochi sono stati strepitosi, davvero più belli di quelli dell’anno passato, la prima parte è passata un po’ in sordina, per poi svilupparsi in forme e colori incredibili: a forma di Caparossolo, Mollusco, Pettine di Mare, Nucleo di cellula, Nuvola di punti, Stelline brillanti e cascate multi-color… Il famoso ferry-boat Metamauco dell’anno scorso, ha lasciato il posto al San Nicolò che  ha avuto pietà di noi e si è spostato dandoci una visuale molto bella anche dei fuochi bassi bassi, gentile da parte sua!

Anche quest’anno il Redentore l’ho fatto e ne sono davvero molto molto felice…E voi?

Vostra I.

Read Full Post »

La serata del Redendore a Venezia porta con se sempre un’atmosfera che non si può spiegare, è bellissima, leggera, ha un qualcosa di magico che resta nel cuore senza ulteriori spiegazioni.

Con questo inizio epico e romanticissimo non intendo raccontare né dei fuochi, evidentemente più belli di quelli dell’anno scorso, né del Ferryboat Metamauco che si è piazzato fra i miei occhi e i fuochi nascondendoli per una bella metà, nè dei “ciòsotti” ventenni che erano sulla barca accanto a noi, fornitissima di cibo, musica terribile e ormoni da vendere…ma grazie a loro, o a parte di loro, posso introdurre il tema più interessante delle ultime ore, ossia lo sviluppo e l’importanza del cromosoma Y. Immediatamente voglio sottolineare che questo non è un articolo contro gli uomini e i loro comportamenti di fronte a: ragazze mezze nude, ragazze non più ragazze che si atteggiano a tali, costumi da bagno succinti, tacchi 12 con plateau, gonne troppo corte, magliette troppo corte, fatali spacchi, e chi più ne ha più ne metta. No uomini, io non voglio giudicarvi, non voglio dire che sbagliate a sbavare nè alle donne voglio dire che non devono più fare il gatta-morta style, per carità, il mondo continua a girare proprio grazie a voi!

Ah il cromosoma Y, la spiegazione a tutto, alle occhiate furenti, all’improvviso giro del collo per guardare dietro, allo strabismo improvviso che si manifesta quando passa qualcuna ma il discorso è interessante e ti prego cara, continua a parlare, e a tanti altri piccoli fatti. Davvero, credo sia straordinario che questa Y possa tramutare persone colte, simpatiche e piacevoli in mandrie di squilibrati vitelloni, ma continuerò con la mia indagine, che sta prendendo forma sempre più concreta anche grazie ad un paio di specialisti che mi stanno molto aiutando nell’impresa, non facile ma straordinaria, di capire al meglio di cosa stiamo parlando.  (Grazie davvero Dottori, senza di voi sarei ancora in alto mare).

Le ricercatrici della Pennsylvania sono preoccupatissime del fatto che questo specialissimo cromosoma si stia estinguendo, perdendo, che si stia sgretolando, ma io dico loro con tutta franchezza di non preoccuparsi, sta benissimo, vive in ottima salute e compagnia e continua a diffondere ciò che gli è stato insegnato dalla genetica!

Ah l’eterna lotta fra uomo e donna, la tempesta fra le due metà del cielo, ahh guerre galattiche di ormoni impazziti, briciole in terra e calzini sporchi, minigonne più corte di cinture, ferro da stiro sempre pronto ad ogni uso, ahhh che meraviglia questo cromosoma Y che ci riempie le giornate, che spesso ci diverte (si è un sorriso quello, non un ghigno nè una paralisi facciale), che ci fa trascorrere momenti indimenticabili, che ci fa tenere un muso lungo da poterlo usare come aratro,  che ci fa sentire in pericolo ad ogni ticchettio e ci fa capire che forse forse, in fondo è solo tutta gelosia.

Vostra I.

Read Full Post »

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

minima & moralia

un blog culturale di minimum fax [versione beta]

Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Meraviglie Museali

I piccoli meravigliosi Musei di Venezia

La Leggenda di Natale

Sesta Edizione

Ci Vediamo Quando Le Nuvole Tornano a Casa

Scritto, diretto e montato da Gibo

Scrapbook.

Since 2007.