Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Odiati Babbo Natale appesi alle case’

Tornando a casa dopo una giornata di lavoro non particolarmente felice, consideravo che dovrei: fare la spesa, iniziare ad emozionarmi perchè è quasi natale, gioire delle bellissime giornate che questo dicembre frizzante e luminoso ci stà regalando, comprare l’ovatta per confezionare i regalini che mi ero messa in testa di fare, scrivere i biglietti (ormai siamo davvero old fashioned noi che lo facciamo ancora), organizzare le mie prossime giornate ottimizzando tempo/soldi/energie/dentista e molto altro… ed invece mi son trovata lì, a guardarmi dall’altra parte della calle come una novella Zeno Corsini, piena di domande, di inettitudine e di sigarette.

Questo -22 a Natale non mi mette l’euforia, non mi sembra nemmeno sia così vicino, la testa è impegnata in altro, lavora per trovare risposte, sicurezza, cura, tranquillità, e non riesce a trovar il tempo per lo svago, per il dolce far niente. I problemi ci sono, i pensieri a casa anche, e pesano come macigni così grossi da atterrarmi a letto la notte e farmi dormire come al solito qualche ora.

Certo in un tutto questo trascorro ore leggere chiacchierando, giocando con la piccola Ella e facendo qualche esperimento culinario e osando fare quello che ormai è un delitto senza eguali, mangio carboidrati! Lo sto sbandierando ai quattro venti, ho alzato il sipario sul male del nostro tempo, sul temibile Pane. Lo scrivo anche con la maiuscola, vista la sua importanza, la bellezza e la bontà di questo alimento. Il Pane. Terribile avversario di diete, pancette, pranzi veloci, antagonista della vita sana per forza, della bellezza del corpo asciutto, del “sebellavuoiapparireunpodevisoffrire” al quale non aggiungerò un hashtag perchè mi sembrerebbe demente! Si è diventati divoratori di frasette, ci si trasforma in riciclatori di parole come se si vivesse in un mondo dove non può essere ricordata più di una parola chiave, ma poi il pane no. Il pane fa male. E vivere attraverso gli schermi non fa male? La nostra è sempre più una società che bada all’esserci più che al perchè c’ero e questo svuota anche gli animi più forti, è come tornare alle elementari e ai bigliettini e dimenticarsi di chiedere come stai? Ma non di chiederlo all’anglosassone, come frase precompilata, di chiederlo perchè si ha il più puro desiderio di sapere la risposta.

Ovviamente il pane è una piccola metafora casareccia per moltissime cose che accadono nella mia vita e nel mondo che mi circonda, dall’ambito culturale a quello di certe esternazioni politiche, dalla signora bionda [Ibidem] a bellicapelli [elettricista] ai quali dedico una frase molto radical chic di una bellissima ragazza, che ahinoi perdette la sua testa dorata ” Se non hanno pane, che mangino brioches”!

Vostra Panificatrice I.

Read Full Post »

Lo ammetto subito, via il dente via il dolore, io adoro il Natale, lo adoro per le lucine colorate che mi rapiscono gli occhi ed il cuore, non tutte le lucine ovviamente, quelle monocrome, soprattutto bianche a intermittenza, senza suoni o canzoncine, solo semplici lucine che illuminano le fredde notti di dicembre.

Adoro il freddo pungente per poi dimenticarlo dentro casa, coccolata dal tepore accogliente di queste quattro mura e dei pacchettini che aspettano di essere donati senza bisogno di avere qualcosa in cambio, donati per il puro gusto di farlo e scelti con cura rispettando destinatario e ricevente!

Tutto è perfetto, fiocchi, bigliettini, decorazioni e sacchetti, confezionato rigorosamente da me, nella migliore tradizione creativa di famiglia, nulla è lasciato al caso e ne sono felice. Forse penserete che tutto ciò è massivo e commerciale, va bene fatelo! Non me ne preoccupo per la sola ragione che a me piace, mi da tranquillità e l’eccitazione nell’aspettare l’apertura del pacco, il vedere occhi curiosi che scuotono il dono e mani intransigenti che stracciano la carta è fenomenale, davvero, il cuore si alleggerisce e vola in alto.

Forse abitando fuori casa da un bel po’ considero il Natale una coccola che si attende con impazienza, un momento di pausa con chi ami, la possibilità di scatenarmi preparando il tavolo e vestendolo a festa, poter stare seduti per un po’ più che dieci minuti a chiacchierare senza la fretta che ti spinge la schiena, senza pensieri per un paio di giorni.

Non è bellissimo?

Non adoro invece il dover fare per forza (anche di carattere detesto le imposizioni, anzi se mi si impone qualcosa tendo a fare l’esatto opposto…) il dover per gusto di forma, non ha senso alcuno credo, è esattamente come fare un sorriso di circostanza quando si dovrebbe stare seri, come fingere di essere interessati quando si sta pensando totalmente ai fatti propri, avanti su su su un po’ di sincerità e di cuore, si fa quello che si sente, non si forzano le emozioni per far piacere perchè l’effetto è deleterio! Si è quel che si è e si sente quel che si sente, senza sciocche etichette!

Bene ora mi armo di coraggio, sciarpa e berretto e vado a fare le spese…

Un abbraccio natalizio a tutti, dolce come i dolcetti di zenzero….

Vostra I.

Read Full Post »

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

minima & moralia

un blog culturale di minimum fax [versione beta]

Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Meraviglie Museali

I piccoli meravigliosi Musei di Venezia

La Leggenda di Natale

Sesta Edizione

Ci Vediamo Quando Le Nuvole Tornano a Casa

Scritto, diretto e montato da Gibo

Scrapbook.

Since 2007.